CARATTERISTICHE TECNICHE E COSTRUTTIVE

Vista laterale destra del Balilla giocattolo con la baionetta inastata.
Questo moschetto giocattolo di produttore sconosciuto e' una copia molto fedele del moschetto mod. 1891; la sagoma e le misure sono pressoche identiche a quelle dei moschetti Balilla FNA, Castelli e Grazian. Il calcio e' in un solo pezzo e comprende il copricanna. L'unico particolare che si discosta dal moschetto regolamentare e' il solco stampato per rafforzare il serbatoio. Tutto sommato, questo moschetto giocattolo e' ben costruito e si presenta come una copia molto fedele del moschetto mod. 1891 e del moschetto Balilla. Il materiale con cui fatto questo Balilla il Zama o Zamak, una lega di zinco economica e versatile, purtroppo molto friabile. Tale lega fu sviluppata nel 1929 negli U.S.A., dandoci in questo modo un riferimento di partenza degli anni di produzione. La maggior parte di queste produzioni spesso in condizioni di eccessiva usura per cui riteniamo molto raro il pezzo proposto.
Alcune immagini della braca, della baionetta e della volata.
Vista dall'alto dell'alzo e sulla canna con sfaccettatura a forma di prisma il numero del brevetto "352471"
Vista completa dell'otturatore dove nella parte cava si vede la molla col percussore.
Culatta mobile e al suo interno la molla dell'elevatore.
Calciolo metallico col marchio "DEPOSITATO" e il simbolo del "Corno da caccia", figura utilizzata come nome per identificare questo tipo di Balilla giocattolo (foto e modello del Sig. Raphael Riccio).
Particolare della scatola serbatoio e la finestrella per l'espulsione della lastrina di caricamento.
Struttura del Balilla, che mette in risalto la qualit della meccanica e la verosimiglianza con l'originale.
Particolare del percussore, mentre sulla leva (foto a destra) si nota punzonata la lettera "G".
Ecco la sua lastrina di caricamento con il suo munizionamento e la cartuccia di carta. Si nota che la palla forata come forato il fondello del bossolo (visibile nella foto in basso), quindi tutto il proiettile cavo. Quando la cartuccia di carta, alloggiata nel fondello del bossolo, viene  colpita dal percussore, il fumo prodotto si sprigiona attraverso il proiettile, fuoriuscendo dalla canna.