V
Canna, Culatta, Alzo, Tacca di mira fissa e Braga del moschetto
1 Marchio applicato su Fucile mod.1891, Moschetto mod.1891 e Moschetto per ts mod.1891 e ultime produzioni anni '30. 
Simboli alfabetici che identificano la fabbrica di produzione.
Terni  *
1
3
4
5
6
3 Fabbrica Armi Regio Esercito, trasformazione del Fucile mod.1891 in Moschetto per ts mod.1891/24, il numero identifica l'anno di trasformazione (1924-29).
4 Marchio su tutte le armi mod.38 in cal.7,35, Fucile mod.38 in cal.6,5, Moschetto mod.1891 (1936) e Fucile mod.41 (1942).
5 Fabbrica Armi Terni, su Fucile mod.41 in cal.6,5 e cal.7,92 con inscritto l'anno di produzione 41,42 e 43. 
6 Marchio su Fucile mod.41 (1943), scompare la coroncina sopra il riquadro e viene sostituita da una stella.
8 Fabbrica Armi Terni, marchio del dopo guerra posto su armi riarsenalizzate, seguito dall'anno di ripristino.
Torino
Torre Annunziata
MIDA Manifattura Italiana D'Armi
F.N.A. Brescia *
Brescia
Gardone Val Tompia  *
Beretta Gardone  *
Pietro Lorenzotti
Roma
tubata/tubato
M.B.T. Metallurgica Bresciana Tempini
Napoleone e Vittorio Castelli Brescia
Armaguerra 
1 Marchio sul Fucile, Moschetto, Moschetto per ts mod.1891 e Moschetto per ts mod.1891/24.
1
2
3
4
1 Marchio applicato su Fucile mod.1891, Moschetto mod.1891, Moschetto per ts mod.1891, Fucile mod.38 cal.6,5 e Moschetto per ts mod.1891/24.
2 Moschetto mod.1891.
3 Moschetto per ts mod.1891, Moschetto Balilla.
4 Moschetto mod.1891, Fucile mod.38 cal.7,35, Moschetto mod.38 cal.7,35, Moschetto per ts mod.38 cal.7,35, Moschetto per ts mod.38 cal.7,92. 
5
5 Moschetto per ts mod.38 cal.7,35, moschetto mod.38 cal.6,5, moschetto per ts mod.38 cal.6,5, moschetto per ts mod.38 cal.7,92, moschetto mod.38 cal.7.92. 
7 Regio Esercito TERNI, col marchio di accettazione della Finlandia, SA (Suomem Armeija).
7
1  Moschetto per ts mod.1891.
1
2
3
2  Moschetto mod.1891.
3  Moschetto per ts mod.1891.
4
4  Fucile mod.38 cal.7,35, Moschetto mod.38 cal.7,35.
5
5  Fucile mod.38 cal.6,5, Moschetto mod.38 cal.6,5. 
1
2
3
1  Moschetto mod.1891
2  Fucile mod.1891, Moschetto per ts mod.1891/24. e tutte le armi mod.38 in cal.7,35 e in cal.6,5.
3  Moschetto per ts mod.1891
Fucile mod.41, dove possiamo trovare questi tipi di logo apposti singolarmente o abbinati tra loro.
Moschetto per ts mod.1891.
Moschetto mod.1891, Moschetto per ts mod.1891 e Moschetto Balilla.
Moschetto per ts mod.1891.
Simboli alfa-numerici che identificano il produttore, codice ispettore, codice di assemblaggio, codice di lavorazione, condizioni dell'arma, trasformazione, appartenenza.
Indica che la canna è stata tubata/tubato, questo marchio possiamo trovarlo su tutte le produzioni del Fucile mod.1891 e di conseguenza sui Moschetto per ts mod.1891/24. Anche se poco comuni ci sono i marchi con vicino un punto e un numero. Il significato di questa variante è ignoto, ipoteticamente potrebbe trattarsi di un codice lavorazione o produzione.
* Gli abbinamenti tra le diverse varianti del logo della fabbrica di produzione e le armi sui quali sono stati riscontrati, sono puramente teorici ed indicativi, dato che per le specifiche trasformazioni in calibro 7,35 e calibro 7,92 e per le ricostruzioni sono state usate armi in base alle disponibilità del momento.
2
2  Terni con corona e Regio Esercito Fucile mod.1891, ultime produzioni anni '35 e '36.
8
Marchio sul Fucile mod.1891 e Moschetto per ts mod.1891/24.
Marchio sul Fucile mod.1891 e Moschetto per ts mod.1891/24.
Marchio sul Fucile mod.1891, Moschetto per ts mod.1891/24 e Allievi Tiratori.
Marchio sul Fucile mod.1891 e Moschetto per ts mod.1891/24.
0-9
Culatta
Alzo
1 Logo che indicano presumibilmente la fabbrica di costruzione o ispettore, alcuni di questi sono in rilevo, mentre altri risultano incisi sulla canna. Abbiamo riscontrato per alcuni di essi che hanno la stessa sigla, l'utilizzo di una diversa fonte di carattere.
* Marchio CN in ovale di una carabina Allievi Tiratori di produzione M.I.D.A. -Brescia-.
** Marchio MA trovato sul mirino di un fucile mod. 1891 Brescia del 1896
6
6 Moschetto per tsm mod.1891. 
2  Logo che indicano presumibilmente la fabbrica di costruzione o ispettore, si differenziano dagli altri per la cornice rotonda, quadrata o rettangolare.
1
2
3
3  Logo solo numerico ed essendo nel riquadro forse è un codice di ispettore.
5
5 Logo posti sul rigonfiamento della canna, sia quello sfaccettato che cinlindrico,  indicano la Fabbrica che ha prodotto la canna ed è posto sul lato destro, all'altezza del contatto con la cassa e normalmente si vede rovesciato rispetto agli altri marchi/punzoni.
Posti in altra posizione, assumono un significato diverso che potrebbe essere il codice dell'ispettore.
1
2
3
4
5
6
7
Simboli grafici che identificano il produttore, l'arma di appartenenza, caratteristiche.
1 Ovale con lo stemma sabaudo.
2 Pietro Beretta, questa sigla sormontata da una corona reale spesso di trova sotto la canna dell'arma e perciò nascosta dai legni.
3 Simboli della Regia Marina, alcuni di questi si trovano abbinati tra loro.
4 Fucili di esattezza, abbiamo trovato tre tipi di logo.
5 Cesare Gnutti.
6 Stella inscritta in un cerchio, questo particolare simbolo è stato rilevato su un Moschetto F.N.A. Brescia degli anni '30 e sulla braca di un Moschetto mod.38, Gardone Val Trompia 1942, cal.6,5. Porebbe essere il simbolo della Repubblica Italiana, su armi ricondizionate dopo la guerra.
7 Stella presente nei fucili mod.41 produzione 1943 e su tutte le armi che sono passate per le officine di riparazione.
8 F.M.B. Fucile Modello Brevettato, Balilla Grazian 1937.
9 ArtillerieZugFabriken, punzone di ispezione Austroungarico su armi italiane catturate durante la prima guerra mondiale, questo punzone si trova anche sui Mosin Nagant catturati ai russi.
10 Aquila nazista, presente nelle armi di preda bellica o di trasformazione tedesca.
11 FAG (Fabbrica Armi Gardone).
12  Suomem Armeij "Esercito Finlandese".
13  OCR (Officine Costruzioni Roma) posto sulla canna sotto il ritto dell'alzo, di un fucile mod.1891, produzione Roma del 1918.
14  OCR (Officine Costruzioni Roma) posto sulla canna (sopra il nome della fabbrica), di un fucile mod.1891, produzione Terni del 1917.
15 Asterisco trovato su moschetto modello 1891 (Gardone Valtrompia 1936).
1 Nelle armi, mod.38 e mod.41 di trasformazione tedesca è presente all'altezza della giunzione della canna alla culatta il valore del calibro, espresso indifferentemente sia con la barra, la virgola e il punto.
2
1
2 Nelle stessa giunzione della canna alla culatta, si possono trovare sia alcune tacche di allineamento, oppure alcuni simboli tra i quali la corona sabauda (Moschetto mod.38 cal.6,5, Gardone Val Trompia, 1941) ed una V (Moschetto tsm mod.1891, Brescia 1917).
3
3 Sotto la canna sono spesso punzonati simboli alfanumerici che identificano spesso i codici di lavorazione, questi codici sono normalmente identificati con un solo carattere.
Altre volte si trovano i codici di assemblaggio identificati da campi numerici, anche abbinati a lettere e si trovano, nella parte interna, sia sul rigonfiamento della canna e sulla culatta, di regola questi codici sono identici.
Codice di assemblaggio F 7466, su un moschetto per ts mod.1891, Brescia 1917.
Codice di lavorazione K -4 -4, su un moschetto per ts mod.38, Beretta 1943.
4
4 Dopo il 1928, appaiono sul rigonfiamento della canna, le date di costruzione corrispondenti all'era fascista, le date sono espresse in numeri romani abbinate alla numerazione tradizionale dell'anno solare.
Il primo anno dell'era fascista parte dalla data del 28 ottobre 1922, giorno della marcia su Roma, mentre la stampigliatura dell'anno solare viene punzonata con due, tre numeri oppure intera a seconda della fabbrica di produzione.
40-XVIII, produzione F.N.A. Brescia.
942-XX, produzione Gardone Val Trompia.
1936-XIV, produzione Beretta.
Simboli alfa-numerici che identificano il produttore, codice ispettore, codice di assemblaggio, codice di lavorazione, anno di produzione.
1 Logo che indicano presumibilmente la fabbrica di costruzione o ispettore, alcuni di questi sono in rilevo, mentre altri risultano incisi sulla canna. Abbiamo riscontrato per alcuni di essi che hanno la stessa sigla, l'utilizzo di una diversa fonte di carattere, mentre altri sono circoscritti in forme geometriche diverse.
2 Logo che indicano presumibilmente la fabbrica di costruzione o ispettore.
3 Sotto la culatta sono spesso punzonati simboli alfanumerici che identificano spesso i codici di lavorazione, questi codici sono normalmente identificati con un solo carattere.
Altre volte si trovano i codici di assemblaggio identificati da campi numerici, anche abbinati a lettere e si trovano, nella parte interna, sia sul rigonfiamento della canna e sulla culatta, di regola questi codici sono identici (vedi i marchi e foto della canna).
Due esempi numerici che identificano l'anno di produzione.
5 Il primo logo senza l'ovale è stato riscontrato anche sul fusto dei legni, lo si trova inoltre anche sulla canna vicino alla congiunzione della culatta.
6 Presumibilmente Pietro Beretta.
7 4° Ufficio Tecnico.
8 Lettere dell'alfabeto greco usate come codici di ispezione o collaudo, mentre la stella identifica le armi transitate per le officine di riparazione.
9 Corona sabauda singola, circoscritta e sormontante una V.
10 Controllo della fabbrica di Roma, mentre ci è ignoto il marchio DL coronato in cerchio.
11 Logo riscontrato anche su una baionetta e nei legni (senza corona), inoltre trovato su dei fucili mod 38 (Terni 1939 calibro 7,35), uno nuova produzione e l'altro ottenuto dalla trasformazione di un fucile modello 1891.
12 R rovesciata con stella, trovato su un moschetto mod 1891 (Terni 1936).
13 nodo Savoia presdnete sotto la culatta di un moschetto mod 1891 (Gardone Valtrompia 1936).
1
2
3
0-9
1
Logo che identificano il produttore o appartenenza.
2
4
5
11
1 Terni.
2 Fabbrica Brescia.
3 Regio Esercito.
4 MIDA Manifattura Italiana D'Armi di Toschi e Castelli (Brescia).
5  Fabbrica Nazionale Armi (Brescia).
6
Opera Nazionale Balilla posto sulle culatte dei moschetti Balilla, produzione F.N.A.,Grazian e Vittorio Napoleone Castelli.
7 Giovani Italiani Littorio posto sulle culatte dei moschetti Balilla, dal 1937 in poi, anno dello scioglimento dell'O.N.B.; è possibile trovare moschetti del 1937 con ancora il logo O.N.B.
8 Moschettieri del duce.
9 L.Franchi Brescia, tre diversi modi di apporre il marchio di fabbrica.
Si presume che la produzione di queste culatte sia del periodo post bellico, dato che si trovano spesso nelle armi mod.38 in calibro 7,92 x 57.
Abbinata a questa produzione troviamo sulla parte superiore della culatta incisa la lettera S (10), che identifica l'utilizzo della palla tipo spitzer (appuntita), caratteristica del calibro tedesco.
11 Punzone che identifica armi di preda bellica greca.
12 Heinrich Krieghoff di Klagenfurt (Austria).
13 Aquila nazista.
14 Suomem Armeij "Esercito Finlandese".
15 Nodo piano o Savoia, identifica arma della Regia Marina.
16
T, che identifica produzione Torino, fucile modello 1891 del 1895.
12
5
6
4
Logo che identificano il codice di lavorazione,  codice di assemblaggio, ispettore, valore del calibro, fabbrica, appartenenza.
0-9
1
1 Sulla struttura dell'alzo sono punzonati simboli alfanumerici che identificano spesso i codici di lavorazione, questi codici sono normalmente identificati con uno o più caratteri.
2 Qualche volta possiamo trovare nell'alzo i marchio di fabbrica o ispettore.
3 Marchio di Terni.
4 Corona sabauda.
5 F.N.A. Fabbrica Nazionale Armi (Brescia).
6  Meccanica Perfetta SX8, produttore di Balilla giocattolo, troviamo il logo del produttore anche sui legni e culatta.
8
6
2
1
2
3
3
Tacca di mira fissa
4
La lettera S con sovrapposta una barra (simile al simbolo del dollaro), posto sulla braca di un moschetto mod. 91 in cal.6,5, FNA-Brescia 1941 (collezione Maurizio Garetto)
1-2-3  Nella tacca di mira fissa, troviamo quasi sempre il punzone col valore del calibro elaborato con diversi tipi di carattere e realizzazione.
4
  Abbiamo riscontrato questo waffenamt apposto sul fianco della tacca di mira fissa di un moschetto mod.38 in cal.6,5.
(n.d.r.- ci permettiamo di segnalare che il punzone di questo marchio WaA63, che si trova su armi tedesche fabbricate dalla "Mauser Werke AG, Oberndorf a/N" e dalla "JP Sauer und Sohn Gewehrfabrik, Suhl", è in vendita, come replica, presso un noto distributore americano di E.O.)
5  Logo 4 Repubbliche Marinare che identifica un collaudatore della Regia Marina.
4
3
5
6
Canna
V
7
9
10
13
9
9 Fabbrica Armi Terni, marchio su armi riarsenalizzate.
Fratelli Grazian Verona
Moschetto Balilla.
9
1
2
2 Moschetto per ts mod.1891.
7
8
10
8
11
6
6 FAG (Fabbrica Armi Gardone), moschetto ts mod 91/28
14
12
Braga moschetto
Logo che identificano il codice dell' ispettore, fabbrica, lavorazione o appartenza
1
2
1 Marchi posti sulla braga di fianco sotto il mirino.
2 Marchi tipici delle armi modello 91 inscritti in quadrato, rettangolo o cerchio.
3 Simbolo della "Repubblica Italiana".
4  Polotti Scherma (Lumezzane).

5  Regio Esercito
15
5
4
4  Logo particolare con lettere stilizzate delle quali una è certamente la lettera D.
9
13
10
11
4
4  Moschetto ts mod.91/28, anno 1934 (di produzione civile)
14
16

*
3
4
5
**
12
Non ci sono elementi per attribuire un nome a questo produttore d'acciaio.
La
Vcon e senza corona è stata ritrovata in altre parti dell'arma, ma raramente in questo posto (foto Patrick Hernandez).
Mirino
Logo che identificano il codice dell' ispettore, fabbrica, lavorazione o appartenza
13
8  F.M.B. Fucile Modello Brevettato (?), Balilla Grazian 1937.
15
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
OLYMPUS DIGITAL CAMERA